Perché scegliere un’auto coupé

La coupé, così definita dal participio passato del verbo francese couper ‘tagliare’, è un modello di macchina a 2 porte, dalle linee maggiormente graffianti e dalle prestazioni più performanti rispetto a quelle di qualsiasi altro veicolo.

È stata per molti anni il simbolo degli scapoli di buona famiglia soprattutto nelle versioni spider, ovvero quelle col tettino apribile. Una Lancia Aurelia è, ad esempio, protagonista insieme a Vittorio Gassman del film Il Sorpasso di Dino Risi.

spider-gassman

Ma oggi, ha ancora senso scegliere una coupé? La domanda potrebbe apparire lecita, soprattutto vista la strabordante presenza di SUV, berline e auto sportive di ogni fattura. Ma le mode, si sa, sono fatte per finire, e dopo un periodo di crisi di settore le coupé sembrano finalmente essere tornate alla ribalta fra le preferenze degli amanti delle 4 ruote.

La cosa non deve esser sfuggita alla Mercedes, che negli ultimi anni ha piazzato sul mercato almeno 3 modelli di successo come la Classe C, Classe E e Classe S.

Originariamente previste per essere macchine performanti a scapito della comodità, l’industria automobilistica pare aver corretto negli ultimi anni il tiro, realizzando modelli sempre più ibridi e sempre più a metà fra una berlina, un SUV, o addirittura un’utilitaria.

Modelli che, in altre parole, fossero in grado di attirare un numero sempre maggiore di clienti, insomma.

Tanti modelli di coupé fra i quali scegliere

bmw-zm4-coupèE pare che ci sia riuscita, soprattutto se ci si avventura sui siti web dei vari produttori di auto. Dopo una rapida ricerca, si nota immediatamente come ogni casa automobilistica, nessuna esclusa, abbia fra il suo parco auto almeno una coupé. Troveremo allora la Nissan 370Z, le Audi A5 e S5, la Renault Megane Grand Coupé, le BMW serie 2, serie 4 e M2. A queste sia aggiungano almeno due Chevrolet (la Camaro ZL1 e la Z06), per tacere delle Mercedes menzionate di sopra.

Chi non è abituato a badare al portafogli potrà puntare su modelli ben più appariscenti (ma anche costosi) come quelli proposti da Ferrari, Porsche e Lamborghini.

ferrari_458

L’apertura del mondo della coupé ad un pubblico sempre più variegato, tuttavia, consente di scovare modelli anche meno noti, ma accessibili alle tasche dei più: in tal senso citeremo allora l’Honda Civic, la Scion Tc, il maggiolone della Volkswagen, la Mazda MX-5 o la Mustang della Ford, recentemente sbarcata anche in Europa.

Insomma, la scelta non manca. Il punto è che, come si diceva sopra, i grandi costruttori sanno di stare attraversando un periodo storico in cui l’automobilista ha bisogno di slancio, grinta ed evasione. Per questa ragione, nonostante il calo fisiologico a cui si è assistito nei primi anni 2000, non si è mai smesso di produrre auto coupé.

Ed oggi sono proprio le coupé a costituire il settore più promettente della vendita al dettaglio, e la ragione di una tale attrattività sta tutta nel semplicissimo fattore che possedere una coupé è oggi un ottimo modo per coniugare la realizzazione di un sogno con il possesso di un’auto adattabile a qualsiasi contesto di guida.

Postato il 24 novembre

Compila i campi per ricevere maggiori informazioni e per rimanere aggiornato con le nostre promozioni

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.



Condividi